Subconcessioni

La vostra attività all’Aeroporto Olbia Costa Smeralda

Quale migliore occasione di intercettare il vostro target giusto, dal più raffinato al turista fai-da-te, se non nella porta d’ingresso della destinazione turistica più ambita in Italia? L’Aeroporto di Olbia Costa Smeralda vi offre l’occasione di sfruttare una vetrina dalla visibilità privilegiata, direttamente lungo lo snodo di maggior traffico passeggeri di tutto il Nord Sardegna.

Oltre 22 attività commerciali, 6 tra ristoranti e bar, raccolti in una superficie complessiva di 42.000 metri quadrati e visitati da più di 2.000.000 di passeggeri all’anno.
Lo scalo di Olbia rappresenta una vetrina unica per i prodotti delle aziende partner. Sono numerosi i marchi nazionali e internazionali presenti nella nostra location, che garantisce un traffico passeggeri in continua crescita grazie all’apertura di nuove rotte dai principali bacini di mercato dello scacchiere europeo.

Un team di professionisti vi guiderà nella scelta della migliore soluzione d’investimento, commisurata al vostro business e alle vostre esigenze di crescita.
In questa sezione è a vostra disposizione un vademecum sui passi da percorrere per avviare e gestire un’attività commerciale in aeroporto.

Per ulteriori informazioni contattare:
Ufficio Commerciale Geasar 
Tel.: +39 0789 563 420 
Fax: +39 0789 563 401
E-mail: commerciale@geasar.it

Vademecum

1. Canoni

Un canone fisso di minimo garantito comprensivo di IVA, da versare in via anticipata su base trimestrale, proporzionato alla superficie del locale. Un canone variabile sul fatturato totale al netto di IVA, per l’eccedenza rispetto al canone fisso annuo di minimo garantito. Il pagamento va effettuato in via posticipata su base trimestrale.

2. Magazzini

Nel piano seminterrato sono disponibili magazzini di varie metrature accessori alle attività commerciali, per i quali è previsto il pagamento di un canone annuo. 

3. Meccanismo di aggiornamento

I canoni relativi al minimo garantito ed ai magazzini vengono aggiornati annualmente sulla base dell’andamento di alcuni indicatori aeroportuali e sulle variazioni ISTAT.  

4. Utenze

Consumi diretti: quali luce ed acqua, sono a carico del subconcessionario e il calcolo degli importi dovuti avviene grazie all’utilizzo di contatori di defalco messi a disposizione del punto vendita. 
Servizi comuni: quali riscaldamento, condizionamento, raccolta rifiuti, sicurezza ed illuminazione, vengono conteggiati sulla base della superficie occupata attraverso un calcolo millesimale. 

5. Assicurazioni

E’ prevista la stipula di polizze assicurative a copertura dei rischi. 

6. Garanzie

E’ richiesta una Fidejussione bancaria valida fino a 6 mesi oltre la scadenza o risoluzione del contratto di subconcessione. Tale cauzione è proporzionale al corrispettivo annuo di minimo garantito.  

7. Orari minimi di esercizio

Tutti i giorni compresi i festivi dalle h. 6.00 alle h. 20.30, in concomitanza con arrivi e partenze dei voli schedulati. Nel periodo Primavera-Estate gli orari potrebbero subire variazioni sulla base dei voli programmati. Tali orari variano anche a seconda che si tratti di locali siti nel Land Side, piuttosto che nell’Air Side, ed in base al tipo di servizio erogato (Retail o Food & Beverage). Vige l’obbligo di esporre l’orario al pubblico.

8. Contabilità

Il subconcessionario deve tenere una contabilità specifica relativa all’attività svolta nel sedime aeroportuale, e deve trasmettere periodicamente alla Geasar SpA i dati relativi al fatturato.

9. Personale

Il subconcessionario è obbligato ad ottemperare a tutte le disposizioni di legge relative alla retribuzione, assicurazione e previdenze varie. In particolare dovrà comunicare alla Geasar SpA il numero del personale addetto e la tipologia contrattuale utilizzata, così come previsto dal Contratto Collettivo di Lavoro di riferimento.

10. Autorizzazioni

Geasar SpA è in possesso di un Provvedimento Autorizzatorio Unico del Comune di Olbia relativo agli spazi commerciali. Tuttavia il subconcessionario deve provvedere a munirsi delle autorizzazioni relative alla propria attività commerciale.  

11. Documentazione

Ai fini della trasmissione delle necessarie comunicazioni ad ENAC vanno allegati i seguenti documenti:
-    Statuto e Atto costitutivo;
-    Certificato originale di iscrizione alla Camera di Commercio;
-    Progetto esecutivo;
-    Progetto impianti elettrici / meccanici / elettrici speciali;
-    Dichiarazione conformità antincendio.

 

I cookie ci aiutano a migliorare il sito e a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. 
Per maggiori informazioni è possibile consultare la  Cookie Policy